Risparmiare mangiando sano in 5 mosse

Risparmiare mangiando sano in 5 mosse

Spesa Uncategorized

Risparmiare mangiando sano, si può? Complice la vita frenetica e la comune necessità di risparmiare nel quotidiano, ci ritroviamo sempre di più a portare in tavola il cibo scelto dalle catene di supermercati, piuttosto che dal nostro palato. Quindi: cosa c’è in offerta oggi? Spesso sono proprio i cibi a lunga conservazione, in scatola o precotti ad avere il primo posto sul grande scaffale delle offerte del giorno. Ma è possibile risparmiare anche mangiando sano, basta seguire questi cinque consigli.

Dimezza i costi di rifiuti ed imballaggio

Puntare sulla quantità può essere una vera rivelazione per il portafogli. Preferisci, quindi, cibi più sani e confezioni più grandi non solo solo se a lunga conservazione. Un esempio è lo yogurt che in cucina può rivelarsi un perfetto sostituto della panna, un sano spezza fame e un ottimo alleato dell’intestino, a poco prezzo.

Altri esempi di cibi acquistabili in grandi quantità, ma sani sono: i legumi secchi, gli alimenti composti di farine integrali o d’avena, la frutta secca.

Bada bene all’ora della spesa

Recarsi al supermercato durante la pausa pranzo non è mai una buona idea. La fame dovuta all’ora e lo stress dato dal poco tempo a disposizione, possono essere la causa di scelte alimentari sbagliate e costosissime. Infatti, quando si è a stomaco vuoto, si tendono a preferire alimenti ad alto apporto calorico e per niente necessari alla nostra dieta quotidiana. Ci ritroviamo, così, almeno il 20% della spesa fatto di cibo spazzatura e che diversamente non avremmo acquistato (almeno non tutti), a dimostrarlo uno studio della Cornell University di Ithaca, USA.

Taglia e congela frutta e verdura

Quando la frutta e la verdura si stanno per rovinare non vanno buttate via. Tagliarle a pezzetti e congelarle significa poterle riutilizzare per minestroni, vellutate, frullati o gelati homemade. Sicuramente più saporiti, sani ed economici di quelli già pronti. Ci avevi mai pensato?

Organizza la tua dispensa

La quantità di cibo che viene buttata ogni anno in Europa è altissima.
Avere una dispensa organizzata, significa sia riuscire a variare più facilmente il menù del giorno, sia evitare gli sprechi che incidono inevitabilmente sul bilancio familiare. Nella dispensa di ogni casa c’è quell’alimento acquistato e mai utilizzato e, magari, ricomprato.

Evita questo spreco domandandoti:

– quali cibi consumiamo realmente in casa?
– cosa manca davvero nella dispensa?
– cosa c’è nella dispensa e che abbinamenti possono aiutarmi a consumare quei cibi?
– tra quanto scadono gli alimenti nella mia dispensa?
– gli alimenti con cui intendo sostituirli, tra quanto scadono?

Segui le regole base di una sana e corretta alimentazione

La dieta mediterranea, ad esempio, prevede consumi moderati di ogni pietanza senza, quindi, cadere nell’eccesso sia da un punto di vista economico che salutare. La carne rossa, il pesce e i formaggi, infatti, sono tra gli alimenti più costosi, ma che andrebbero consumati non più di un paio di volte a settimana. Inoltre, fare tre pasti completi al giorno senza mai rinunciare ai due spuntini, a metà mattina e metà pomeriggio, ti aiuterà ad eliminare cibi pronti e snack confezionati, che è forse la prima regola del risparmiare mangiando sano.